La breve storia della Black Metal mafia negli Stati Uniti

Articolo letto: 120 volte

Era una domenica mattina di febbraio del 1995 quando a Glendale, città californiana con circa 200mila abitanti a pochi chilometri da Los Angeles, i fedeli della più grande chiesa metodista del posto, che conta circa 1500 adepti, si recano a messa come di consueto. Ma ad attenderli c’è una brutta sorpresa. La chiesa è stata profanata. Sui muri della First United Methodist Church compaiono decine di scritte fatte con una bomboletta spray di colore nero. Croci rovesciate, pentacoli, frasi anticristiane di ogni genere, alcune delle quali in latino. Fra queste, una scritta che sembra essere una firma: “Black Metal Mafia”.

L’episodio desta subito forte scandalo. La polizia, dopo aver fatto un sopralluogo, apre un fascicolo. La presenza di indizi utili al proseguimento delle indagini appare presto evidente: vengono rinvenute le bombolette vuote di spray nero, sulle quali devono essere rimaste delle impronte.

Quella contro la chiesa metodista di Glendale sarà la prima e l’ultima azione messa in atto dalla cosiddetta black metal mafia americana. Perchè neanche un mese più tardi un blitz delle unità di investigazioni speciali della polizia porta all’arresto di quattro persone e al sequestro di armi di ogni genere. Mazze da baseball, quattro coltelli, una mannaia, un fucile d’assalto AK-47 posseduto illegalmente, un fucile da caccia costruito in casa e istruzioni per assemblare una mitragliatrice, nonchè uno strumento di tortura chiamato garrota.

 

Ritual black metal pictures

Immagini estratte dai video diffusi dalla polizia. A sinistra una scritta con lo spray nero, a destra le armi sequestrate

 

Vengono sequestrate anche delle chitarre elettriche. Tutti gli arrestati avevano in casa documenti e oggetti riconducibili al satanismo. Fra i quattro, compare il nome del bassista della band black metal Ritual. Robert Nusslein, 19 anni, in arte “Robert Ritual”. I Ritual, formati a Los Angeles nel 1993 (e tutt’ora attivi), sono una delle prime band black metal nate negli Stati Uniti.

 

 

Dopo gli arresti, la situazione per gli inquirenti appare subito chiara: gli arrestati stavano cercando di formare un “Black Circle”, ovvero una organizzazione di ispirazione satanista della quale si è avuto notizia per la prima volta in Norvegia, attiva dal 1991 al 1992, presumibilmente responsabile di numerosi crimini fra i quali omicidi, incendi di chiese e scontri violenti con altre band, che sarebbe stata fondata da Øystein Aarseth, in arte Euronymous, chitarrista della band black metal Mayem, all’interno del suo negozio di musica a Oslo.

 

 

In conferenza stampa con i giornalisti la polizia mostra anche delle fotografie. Fra le quali, la porta della camera da letto di Robert Nusslein. Era ricoperta di svastiche, con sopra scritto un elenco di “persone da uccidere” che comprendeva, fra gli altri nomi, quello del reverendo della chiesa cristiana metodista di Glendale Philip Woods, nonchè papa Wojtyla.

 

irst United Methodist Church of Glendale

La chiesa profanata. First United Methodist Church di Glendale (Los Angeles)

 

Secondo la polizia i componenti del cosiddetto black metal circle americano si ispiravano a personaggi come Charles Manson e al killer “Night Stalker” Richard Ramirez, credevano che il cristianesimo fosse corrotto e che quindi dovesse essere distrutto, e avevano l’obiettivo di creare disordini razziali. Alcuni, hanno dichiarano gli inquirenti, possedevano anche nozioni di survivalismo.

Tutti e quattro gli arrestati vengono incarcerati con una cauzione fissata a 150mila dollari a testa. Fra i reati contestati, a vario titolo, quelli di vandalismo e possesso illegale di armi. Robert Nusslein viene imprigionato con l’aggravante, previsto dal codice penale della California, di aver commesso un crimine contro un luogo di culto: rischia fino a sette anni di carcere. Nusslein, giudicato incapace di sostenere il processo, viene mandato per un breve periodo in un ospedale, per poi essere condannato poco più di un anno dopo a 5 anni con sospensione della pena e libertà vigilata, avendo scontato già un anno di carcere fino all’emissione della sentenza.

E’ comunque importante sottolineare come gli accusati abbiano negato di essere satanisti e la loro appartenenza a qualsiasi setta, nonchè rigettato le accuse di razzismo, anche se alcuni si sono dichiarati colpevoli per le scritte sui muri della chiesa. Secondo gli avvocati della difesa, l’episodio sarebbe stato ingigantito dalla polizia. Stando infatti alle sentenze definitive dei giudici, i fatti sarebbero stati in parte ridimensionati, con il decadimento di alcune delle accuse iniziali.

 

Logo Ritual Black Metal USA Los Angeles

Logo della band black metal Ritual

 

Dopo l’arresto del bassista dei Ritual è Ian Fleming, frontman della band, a portare avanti il gruppo fino ad oggi, seppure con alcuni periodi più o meno lunghi di inattività.

Noi de L’Antikulturale abbiamo rintracciato l’ex bassista dei Ritual Robert Nusslein che ci ha concesso un’intervista.

 

Ciao Robert, i Ritual, formati a Los Angeles nel 1993, sono una delle prime band black metal degli Stati Uniti. A distanza di tutto questo tempo cosa si prova ad aver vissuto in prima persona un periodo così importante per la storia del black metal americano?

Avere fatto parte di una scena così avvolta nel mistero è una bella sensazione. Al tempo suonare black metal era il mio interesse principale. Non credo che mi sarei avvicinato a questo tipo di musica se fossi nato nell’era di inernet. E’ stato per me anche un periodo frustrante, fra membri che abbandonavano e pochi soldi per le registrazioni.

 

Cosa è cambiato in tutti questi anni? Cosa pensi dell’attuale scena black metal americana?

Quello che è cambiato è principalmente il numero di persone che ascoltano questo genere. In particolare a Los Angeles molte band e personaggi dell’ambiente hanno quasi portato il black metal in una dimensione commerciale come quella della Sunset Strip. Scimmiottano e sfruttano il black metal e fanno strada in questo modo. Il black metal è oramai così assorbito nella cultura popolare che oggi mi è difficile prenderlo seriamente.

 

Adesso com’è il tuo rapporto con Ian Fleming? Ricordo che anni fa ci furono dei litigi fra voi due

Ho recentemente rifiutato, con tutto il rispetto, una sua proposta di entrare nuovamente a fare parte dei Ritual. Lui è più un tipo da feste rock and roll mentre io sono interessato principalmente a scrivere e registrare musica. Non ero molto entusiasta della direzione che hanno preso con l’ultimo cd e non avrei voluto impiegare altri anni per adattarmi a lavorare assieme a lui. Non ho voluto fare qualcosa in cui non credo più soltanto per il piacere di essere considerato un eroe locale come ha scelto di fare lui. Io ho deciso di cominciare qualcosa di nuovo.

 

Suoni ancora black metal?

Ho un nuovo progetto di cui darò notizia a breve. E’ un tributo al mio personale passato nella musica metal, lo stesso si può dire della mia appassionante e sincera collaborazione con il progetto di musica acustica degli Xasthur.(Gli Xasthur hanno recentemente cambiato nome in Nocturlan Poisoning e suonano musica acustica n.d.r.). E’ inoltre risorto un vecchio progetto, parlo degli Arcane Asylum, credo che nei prossimi mesi tireremo fuori un album.

 

Sei stato il regista del video musicale degli Xasthur “Walker of Dissonant Worlds”. Com’è nata l’idea di girare un video con i barboni di Los Angeles?

L’idea era quella di filmare qualcosa di crudo, diverso dal tipico video black metal. Penso che l’idea dei barboni sia venuta proprio dal titolo della canzone. Abbiamo scelto le zone in cui filmare in modo tale da non avere bisogno di un set per realizzare delle scene. Non avevamo un budget e questa è stata una buona soluzione. Ho anche girato un secondo video per la canzone Horizon Of Plastic Caskets. Avevo girato anche altri filmati per un terzo video, ma non sono mai stati completati.

 

Ti va di parlarmi del black metal circle? E’ vero che eravate ispirati da personaggi come Richard Ramirez e Charles Manson come alcuni giornali hanno scritto?

Preferisco non rispondere a questa domanda. Non ho mai fatto parte di un black circle, o altre cose simili. Non sono mai stato ispirato da personaggi di questo tipo. Il fatto di essere stato accostato a figure criminali ha causato problemi nella mia vita personale.

Flae Dissa

Articoli consigliati