Blood and Honour, il gruppo neonazista apre prima sede a Roma

Articolo letto: 1.001 volte

Blood and Honour Canada

 

Il movimento Blood and Honour apre la prima sede in Italia, a Roma. Un movimento internazionale neonazista, ritenuto responsabile di numerose violenze, aggressioni e omicidi.

I Blood and Honour sono stati fondati in Inghilterra da Ian Stuart, un cantante di una band punk che inneggia alla purezza della razza ariana. Questa organizzazione sarebbe collegata a un gruppo terroristico chiamato Combat 18. I Blood and Honour sono stati vietati in diversi paesi, come la Germania e la Spagna.

I Combat 18, o anche più brevemente chiamati C. 18, usano questo numero in riferimento alle lettere dell’alfabeno A e H, ovvero le iniziali di Adolf Hitler. Questa organizzazione in Germania è stata sventata attraverso più di cinquanta raid nelle zone di Kiel e Flensburg in ottobre del 2003, dove era stata già vietata dal 2001. In Sud America invece hanno formato un corpo paramilitare.

I militanti di C-18 sono stati sospettati della morte di immigrati e di essersi addestrati all’uso di armi ed esplosivi.

 

BLOOD AND HONOUR E LA MACCHINA DEL TERRORE IN RUSSIA

L’organizzazione terroristica C-18 legata a Blood & Honour è stata ritenuta responsabile di diverse aggressioni e violenze. Tale gruppo, si definisce ‘macchina del terrore’, propugna l’eliminazione degli immigrati, definiti invasori (rivendicando decine di omicidi), e la lotta armata contro lo Stato, la polizia e tutti coloro che si oppongono all’instaurazione di un regime nazional socialista in Russia.

 

c 18

sito web dell’organizzazione terroristica Combat 18 russa www.c18russia.org

 

LA NUOVA SEDE A ROMA

L’organizzazione Blood & Honour è ospitata dagli skinheads dell’edificio occupato a Colleverde, in via Monte Bianco. L’edificio era stato occupato assieme ai militanti di Casapound nel 2008.

Blood & Honour è un movimento che predica la purezza della razza bianca e la lotta violenta agli immigrati ed ebrei.

Sarebbero stati gli S.P.Q.R. Skin di Roma, un gruppo musicale di militanti di estrema destra, a contattare l’organizzazione in Inghilterra, ove risiede il quartier generale, per chiedere di affiliarsi a loro, ed aprire così la prima sede in Italia.

Come riportato da La Repubblica, prima di oggi il referente dei Blood and Honour in Italia è sempre stato il Veneto Fronte Skin, nato nel 1986. «Noi veneti non ci siamo mai affiliati perché non volevamo perdere la nostra identità. Abbiamo una storia più lunga dei Blood & Honour e non avevamo alcuna intenzione di essere veicolati nelle scelte e nelle nostre politiche», spiega Giordano Caroncini, portavoce del gruppo.

Nonostante alcune divergenze Casapound ha avuto numerose collaborazioni con gli attivisti di Colleverde, sia per le «raccolte fondi per orfanotrofi sotto Natale», come lo stesso Iannone, il leader di CasaPound, ha riferito a La Repubblica, che con numerosi eventi e concerti organizzati in concomitanza. In Italia con gli skinheads romani, e fuori assieme a Blood & Honour. Band formate da militanti di Casapound come i Blind Justice in concerto in Belgio, (dove la polizia nel 2006 ha concluso l’arresto di venti persone vicine ai Blood & Honour nelle Fiandre) e la band S.P.Q.R., hanno suonato in eventi organizzati dai Blood & Honour.

L’inaugurazione della nuova sede avverrà il 28 Ottobre, anniversario della Marcia su Roma, e si chiamerà “Skinhouse”.

di Dario Lapenta

Articoli consigliati