Tutti a casa, di punto in bianco. Licenziamento in tronco per circa dieci lavoratori, fra giornalisti e addetti al marketing, avvenuti in sordina gli inizi di novembre nei vari settori della rivista Vice Italia. Licenziato anche il direttore responsabile della testata Giorgio Viscardini. Valerio Bassan, che era il direttore di Vice News, ha presentato le dimissioni. I collaboratori avevano chiesto una contrattualizzazione adeguata per le mansioni svolte in redazione. Ma la lettera, firmata da tutti i dipendenti, aveva fatto infuriare i vertici.

 

IL CASO

Tutto è cominciato nell’aprile di quest’anno, quando il socio di minoranza di Vice Italia s.r.l. Andrea Rasoli ha venduto tutte le quote all’azionista di maggioranza inglese Vice Europe Holding LTD, con sede a Londra. Da quel giorno per Vice Italia nulla sarà più come prima. Nessuno, nella redazione di via Giacomo Watt a Milano, avrebbe potuto immaginare cosa sarebbe successo pochi mesi più tardi dal cambiamento societario. A settembre arriva in azienda il nuovo Amministratore delegato. Si tratta di Elia Blei, manager con un passato in realtà editoriali come Il Gruppo 24 Ore e The Finantial Times. Blei promette da subito grandi cambiamenti, un “nuovo capitolo di crescita editoriale e commerciale” per l’azienda. E così i lavoratori di Vice avevano colto l’occasione per chiedere all’editore di essere regolarizzati.

redazione-vice-italia-via-giacomo-watt-milano
                                   la redazione di via Giacomo Watt a Milano

Avevamo tutti firmato un documento col quale chiedevamo all’azienda di fare chiarezza su tantissime situazioni opache riguardo i nostri contratti. Molti lavoratori non sono in regola nonostante da tempo collaboratori fissi in redazione”, ha rivelato una fonte interna che ha chiesto di rimanere anonima. “C’è chi lavorava full-time ed era pagato una miseria, anche 400 euro al mese. Come chi veniva retribuito solo con la cessione dei diritti d’autore pur lavorando 40 ore a settimana, tutti i giorni in redazione. I vertici avevano fatto capire di non aver gradito la lettera, e pochi giorni più tardi, invece del rispetto delle regole da parte dell’azienda, è arrivata, senza nessun preavviso un’ondata di licenziamenti con la scusa di una presunta crisi“, conclude. Una crisi che, ovviamente, stando alle ultime carte depositate coi bilanci, non c’era. Per una multinazionale come Vice Media, che a livello globale ha un valore di circa 4 miliardi di dollari, e che in Italia ha chiuso il 2015 con un profitto pari a 493.609 euro (che se ne va in perfetta legalità nel Regno Unito dato che la nuova società proprietaria ha sede a Londra), quella di contrattualizzare i dipendenti in modo conforme alle leggi sul lavoro era una scelta davvero impensabile. Parliamo, fra le altre cose, della stessa azienda che porta da sempre avanti una linea editoriale molto sensibile alle condizioni dei lavoratori.

Lettera dipendenti Vice Italia
                                  spezzone della lettera firmata dai dipendenti

 

VICE MEDIA E LA NUOVA STRATEGIA SUL MERCATO

Il nuovo manager Elia Blei comincia così a mettere in atto le “grandi novità” promesse per l’azienda. Immediato stop dei finanziamenti a Vice News. Il direttore Valerio Bassan si dimette poco prima che la mannaia dei licenziamenti sferri il suo colpo. La versione news di Vice Italia era stata lanciata solamente nell’ottobre del 2015 con l’obiettivo di “riportare il giornalismo d’inchiesta in Italia” e l’azienda ha già fatto dietrofront. A gestire il sito resta un solo collaboratore che non è un giornalista iscritto all’albo. Ci si limita da qualche tempo a pubblicare quasi esclusivamente sole traduzioni di articoli ripresi da edizioni estere. Ovviamente l’accordo per portare i reportage su Sky TG 24 è oramai tramontato. In sostanza Vice News sembra destinato alla chiusura definitiva, l’azienda non ha più intenzione di spendere soldi per un giornalismo di qualità e difficile da vendere. Una scelta che non coinvolge soltanto l’Italia. Ci sarebbe da parte di Vice Media un generale disinteresse a mandare avanti Vice News nel mondo (solo da novembre a dicembre news.vice.com ha perso 1milione e 135mila lettori): anche all’edizione francese sono rimasti attivi soltanto un reporter e uno stagista. I primi licenziamenti arrivarono negli USA e nel Regno Unito a maggio 2016. Nel primo caso per 15 dipendenti e nel secondo per l’intero team editoriale, salvo poi accordare una partnership con il The Guardian alcuni mesi più tardi. In sostanza Vice ci mette la piattaforma e il The Guardian i giornalisti. Adesso per l’Italia l’obiettivo è puntare a un’informazione più commerciale per attirare sponsor e lanciare iniziative come un mega festival di musica che si estenda su tutta l’area Expo targato Noisey, lo spin-off di Vice dedicato a tutto ciò che ruota attorno al suono. Questo è quanto emerso dalle indiscrezioni di alcuni collaboratori di Vice.

elia-blei-manager-vice-italia
                                                      il nuovo manager Elia Blei

 

VICE ITALIA E LE LEGGI SULLA STAMPA

Non solo ambiguità sui contratti. Quella della poca chiarezza contrattuale nei confronti dei dipendenti non è l’unica situazione opaca. Sembra infatti che la rivista violi anche le leggi della stampa. Sul sito di Vice Italia non è riportato né il nome della società, ovvero il soggetto giuridico utilizzato per fare i contratti (Vice Italia s.r.l.), né è indicato il direttore responsabile, come d’obbligo per le leggi sull’editoria. Quella che appare è invece VICE Media LLC, una forma societaria canadese che non ha alcun riscontro giuridico in Italia. I siti web di Vice Italia, che costituiscono la colonna portante del progetto editoriale, non sono infatti registrati in tribunale, nonostante si rivolgano ad un pubblico italiano e operino all’interno di una redazione fisica sul territorio italiano. Sembrerebbe trattarsi sostanzialmente di stampa clandestina. Qualcuno dovrebbe avvertire Vice Media che le regole da rispettare sono quelle del paese in cui si lavora e non quelle del paese di provenienza. Ad essere registrato è soltanto il periodico cartaceo di Vice Italia (si, esiste!) che viene distribuito gratuitamente in negozi come American Apparel. Il direttore responsabile risulta essere Valerio Bassan (aggiornamento del 22 dicembre all’ufficio registrazione periodici di Milano). Sarebbe tutto regolare, se non fosse che Bassan, dopo aver rassegnato le dimissioni, sia andato dall’altra parte dell’oceano a conseguire un master universitario a New York. Sarà che in redazione non c’è più nemmeno un giornalista iscritto all’albo. Niente male per una rivista che prometteva di rivoluzionale il mondo del giornalismo e dell’editoria in Italia e altrove.

vice-logo

 

Aggiornamenti:

Inchiesta su licenziamenti Vice Italia, doverose precisazioni e risposte ad accuse

Hackerato l’articolo sui licenziamenti a Vice Italia

 

di Dario Lapenta

LaMeteora.info

LaMeteora.info

Visualizza tutti i post

1 Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • […] Il secondo tipo di caccia al rossobruno invece non gode di alcuna dignità, ed è quello di Vice. Quest’ultima è la caccia liberale al rossobruno. Nell’articolo di Vice non vi è nemmeno il tentativo di dare una definizione al concetto di rossobrunismo. Si parla di brodi di coltura, di ambienti segretissimi, di complotti spaventosi volti a sovvertire l’ordine democratico. La verità è questa: come nei testi di Giovanni Savino, preziosissimo intellettuale citato dall’articolo, regna la confusione dell’opinione di seconda mano, così per Vice, che non è un giornale neutrale, non è possibile la neutralità dello sguardo (che comunque non è mai possibile cari amici, tanto per darvi una lezione di sano relativismo). Rossobruno qui diventa tutto ciò che spaventa contemporaneamente i liberali: populisti, sovranisti, fascisti (del terzo e del secondo millennio), comunisti un po’ troppo incazzati con la società dei consumi, l’alt-right americana ma anche i gentisti, il Movimento Cinque Stelle, i seguaci di Sgarbi (sic!) e tutti quelli che credono all’esistenza di George Soros, che non è che è un po’ meno colpevole di quello che si dice negli ambienti complottisti, ma è proprio un’invenzione! Non è mai esistito! E se è esistito si dedica solo alla beneficenza, come fanno tutti i padroni, di solito. Ora, lungi da noi paragonare tutti questi ambienti sopra citati, che sono chiaramente latori di etiche e linguaggi diversi. Il problema è proprio a monte, cioè che la sinistra (che già non sta troppo bene di suo, più o meno dalla fine della grandi narrazioni, e grazie anche a Popper, amico e maestro di George Soros) debba dover dare credito al giornaletto adolescenziale che propone il precariato giovanile e la fuga verso la realtà virtuale come le svolte auspicabili del secolo. A tal proposito immagino che i suoi vecchi redattori saranno stati felicissimi di perdere il lavoro alla prima richiesta di diritti sindacali. […]