Neonazisti organizzano raduno nazionale a Guidonia

Articolo letto: 81 volte

I naziskin provenienti da tutta Italia si sono riuniti a Roma, nei pressi di Guidonia, nello stabile occupato da Casa Pound nel 2008 (ora gestito dagli Spqr Skin) per un mega concerto di band per la “superiorità della razza bianca”.

Per il live, chiamato “Memorial Mirko, Simone, Emanuele e Gianluchino”, (nomi di camerati morti in un incidente d’auto), sono arrivati anche dall’estero, in particolare dal Regno Unito. Non solo per il concerto, ma per festeggiare i 20 anni dalla fondazione degli skinhead neonazisti riuniti sotto il nome di “Spqr Skin”.

Sono salite sul palcoscenico band molto conosciute negli ambienti dell’ultradestra, come il gruppo bolognese Legittima Offesa, che utilizza la musica per propagandare ideologie di superiorità razziale e xenofobia. Come segnalato da Marco Pasqua in un articolo, parteciperanno altri gruppi all’evento, come i romani Time Bombs e The 4 Aces, i Garrota di Varese, gli Ultima Frontiera del Friuli Venezia Giulia e, soprattutto, i temibili Brutal Attack. Questi ultimi vengono proprio dall’Inghilterra, una band nata negli anni 80 di ispirazione dichiaratamente neonazista. Sul loro sito è presente una sezione dedicata proprio alla propaganda Nazional socialista.

Recentemente gli skin romani si sono affiliati al movimento neonazista internazionale Blood and Honour, responsabile di diverse violenze, come segnalato in un articolo precedentemente pubblicato.

brutal attack naziskin

Fra i sostenitori della serata neonazista c’è anche “Skin for Skin – set the prisoner free”, un gruppo nato per organizzare eventi in sostegno di naziskin arrestati.

Infatti, una parte delle entrate derivate dal concerto verranno utilizzate per sostenere le spese legali dei neonazisti incarcerati.

I partecipanti sono stati circa un centinaio, e la zona è stata presidiata dalle forze dell’ordine fin dal pomeriggio, anche con l’ausilio di un elicottero che ha sorvolato il quartiere.

di Dario Lapenta

Articoli consigliati