29 Febbraio 2020

ALBANIA. Lo Zoo di Tirana è di proprietà del comune. Il biglietto di entrata costa 200lek, circa 1,50euro. Di sera, una volta rinchiusi gli animali, viene utilizzato come parco pubblico. La mancanza di personale e di adeguate strutture per la tutela degli animali ha reso questo Zoo classificabile come uno dei peggiori al mondo, tanto da essersi guadagnato l’appellativo di “carcere per animali”.

 

gabbie zoo tirana

Lo zoo è composto da strette e squallide gabbie dove gli animali possono circolare per poche ore al giorno.

Dopo le sette di sera vengono rinchiusi in piccole stanze completamente buie, dove vengono costretti a rimanervi per ben tredici ore, fino alla riapertura dello zoo la mattina seguente.

 

gabbia zoo tirana

 

Passando per le gabbie si può sentire un odore nauseabondo di carne putrefatta, con la quale vengono nutriti gli animali. Questa carne può rimanere nelle gabbie addirittura per settimane.

 

carne putrefatta zoo tirana

 

carne zoo tirana

 

gabbia volpi zoo tirana

 

In una delle gabbie sono anche rinchiusi alcuni gatti, anch’essi nutriti con della carne marcia.

 

gatto zoo tirana

 

Inoltre, lo zoo è compreso di quello che dovrebbe essere considerato un laghetto per le papere. In questo stagno è possibile notare ogni sorta di rifiuto, e un massiccio strato di alghe marce che lo ricopre totalmente.

 

stagno zoo tirana

 

stagno sporco zoo tirana

 

Le gabbie vengono pulite con un tubo d’acqua, con il quale vengono bagnati anche gli animali, come il lupo e i gatti. Quando l’addetto passava per pulire le gabbie gli animali si mostravano palesemente impauriti.

 

zoo tirana

 

 

 

 

La nostra redazione ha deciso di lanciare una petizione per salvare gli animali dello zoo di Tirana, raggiungibile al seguente indirizzo.

http://www.petizionionline.it/petizione/salviamo-gli-animali-dello-zoo-di-tirana/7724

 

Eventuali aggiornamenti saranno pubblicati nella pagina su facebook Salviamo gli animali dello Zoo di Tirana.

[divider] [/divider]

di Dario Lapenta e Laetitia Bollinger

laRedazione

laRedazione

View all posts

Add comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook

Per offrirci un caffè